Legge anti-blog e libertà dal peccato

| 1 Comment

Riporto un commento di un lettore che scrive al Pd-l e che ho letto sul blog di Beppe Grillo al post Free Blogger del 12 novembre 2008, a seguito di una notizia pubblicata da Punto Informatico alcuni giorni fa.

"Ho letto che il vostro segretario, zitto, zitto, come si addice a voi politici metafisici, a braccetto con la "parte avversa" e seguendo le orme del caro prodi, ha deciso d'imbavagliare la rete con leggi bulgare sui blog.......quindi blog come progetti editoriali, roc e pene di stampa clandestina.
Ma purtroppo per voi noi giovani siamo nati liberi e nonostante tutti i vostri affondi rimarremo liberi.....non potrete fermare la rete, sarebbe come cercar di far incagliare una portaerei sui navigli di Milano........non potrete fermare la libertà di pensiero e la libertà d'informazione che oramai è peculiarità della rete.
Vergognatevi......Voi, la P2, la rinascita democratica, i vostri vecchi militanti nostalgici di Stalin e di Chruscev, Vergognatevi per il vostro continuo baciare il culo a quei mafiosi della "parte avversa" .....Vergognatevi per tutto l'oro in cui navigate mentre noi non abbiamo più neanche da mangiare.......Vergognatevi per la vostra ipocrisia, per il vostro essere cosi nebulosi, cosi marci dentro, Vergognatevi per tutti i condannati che stanno nel vostro partito e per come avete ridotto questo paese assieme ai vostri soci della "parte avversa", voi non avete nulla a che fare con noi e non ci potrete mai distruggere, perchè a vostra differenza NOI SIAMO LIBERI e togliendoci tutto non farete altro che renderci consapevoli e la consapevolezza del popolo vi deve terrorizzare molto più di qualche blog,
Con tanta rabbia,
Zomo
"
zomo zomo 13.11.08 11:15|

Evidentemente si tratta di un giovane piuttosto deluso e demoralizzato per come vanno le cose. Questo giovane, di cui condivido in parte il pensiero, parla di libertà. Dice: "noi giovani siamo nati liberi ...". Non è proprio vero dal mio punto di vista di cristiano che l'uomo nasce libero. L'uomo non nasce libero, ma nasce schiavo del peccato e acquisisce la libertà, la vera libertà di figlio di Dio con il sacramento del Battesimo che lo libera dal peccato originale. Poi l'incontro con Gesù nella Eucaristia e la fede in Lui ci porta ad un grado di libertà più elevato che si realizza nell'intima amicizia con Gesù stesso e che ci libera dai vincoli della legge. E' Gesù che libera veramente l'uomo, perché l'uomo da solo non può fare niente.

Per il resto mi unisco anche io al grido di "Vergogna!" che questo giovane manda al partito nel quale probabilmente ha perso la fiducia.

Aggiungo, sempre da cristiano, a osservazione del commento che rispecchia il sentimento di tanti giovani, che i politici non si lasciano terrorizzare dal popolo e anche il popolo non ha motivo di temere i politici. Gesù dice di non aver paura, dice di non temere chi può solo uccidere il corpo, ma è impotente nei confronti dell'anima. Lui dice chi dobbiamo temere: "Vi mostrerò invece chi dovete temere: temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. Sì, ve lo dico, temete Costui".Luca 12,5

Come cristiani siamo tenuti a seguire la voce di Gesù che parla alla nostra anima, siamo tenuti ad amare anche a costo di essere perseguitati, e se un provvedimento politico o una legge ci pare andare contro la nostra coscienza di cristiani, siamo tenuti purtroppo a disubbidire, come ha disubbidito Gesù che guariva per amore anche quando la legge lo vietava.

Ricordiamocelo: "temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. Sì, ve lo dico, temete Costui". Luca 12,5

"Geenna" dal dizionario De Mauro: "nel Nuovo Testamento, luogo di espiazione eterna con il fuoco, fig., luogo di atroci tormenti e sofferenze".

Ora pensaci sù: chi ha il potere di gettare nella Geenna?

Forse Dio? Non credo che Dio getti l'anima di qualcuno nella Geenna, perché Dio è amore e poi Dio ha sacrificato suo figlio per salvarci e non per condannarci o gettarci nella Geenna.

Allora chi? Il diavolo? Non credo, perché il diavolo è tentatore e assassino e può solo uccidere il corpo, ma è impotente nei confronti dell'anima.

E allora chi? Il peccato, cioè TU, uomo peccatore che disubbidisce a Dio, all'amore! Tu peccatore hai il potere di gettare la tua anima nella Geenna, soltanto Tu e nessun altro. Per questo è importante il Battesimo. E' importante battezzarsi per essere liberati dal peccato originale, perché è il peccato che ha il potere di gettare l'anima nella Geenna, nella sofferenza eterna.

1 Comment

In questo video pubblicato su Repubblica.it
http://roma.repubblica.it/multimedia/home/3684214
si può vedere la materializzazione del grido "vergogna" che gli studenti lanciano in piazza Montecitorio, già anticipato ieri da quel giovane sul blog di Beppe Grillo.

Scrivi un commento




Il tuo volto, Signore, voglio far risplendere
Il tuo volto, Signore, voglio far risplendere
Logo
I sette colori dell'amore di Dio: Misericordia, Perdono, Carità, Provvidenza, Bontà, Giustizia, Fedeltà.
Creative Commons License
This blog is licensed under a Creative Commons License.
Free Internet Security - WOT Web of Trust
Powered by  Movable Type 5.01